Santo del Giorno
Cerca un santo:

San Pietro II di Tarantasia

San Pietro II di Tarantasia
Nome: San Pietro II di Tarantasia
Titolo: Vescovo
Ricorrenza: 14 settembre
Tipologia: Commemorazione




Una certa confusione sorge dall'esistenza di due beati e un santo che furono conosciuti, in vari momenti, come Pietro di Tarantasia: c'è il Pietro, nato nel 1240 circa vicino Tarantasia, che nel 1276 diventò papa (il primo domenicano a essere eletto a quella carica) con il nome di Innocenzo V, e che morì successivamente in quell'anno, dopo un pontificato di cinque mesi; c'è poi il Pietro monaco di Citeaux, che divenne arcivescovo di Tarantasia e morì nel 1140. Il Pietro di Tarantasia commemorato in questo giorno nacque nel 1102 circa, a St-Maurice-de-l'Exil, nella diocesi di Vienne. Esistono due fonti principali d'informazioni: una Vita contemporanea scritta da Goffredo, abate di Hautecombe, commissionata da papa Lucio III (1181-1185), e pubblicata non più tardi del 1185; e il De nugis curialum di Gualtiero Map, che è particolarmente utile giacché ne illustra la personalità. Era uno dei sei figli (cinque maschi e una femmina) di genitori devoti, particolarmente ospitali con i monaci viandanti che passavano davanti alla loro casa. Fu per merito di quest'ospitalità che Pietro conobbe i cistercensi di Citeaux e quelli dell'abbazia di recente fondata a Bonnevaux. All'età di ventun anni, seguì suo fratello maggiore, Lamberto, a Bonnevaux (dove furono successivamente raggiunti dal padre e dal figlio minore, mentre la madre e la sorella diventarono monache cistercensi a Saint-Paul-d'Izeaux).

Bonnevaux possedeva già due case figlie quando, per richiesta dell'arcivescovo di Tarantasia (il secondo Pietro menzionato), fu fondata l'abbazia di Tamié, in Savoia, nel 1132. Il Pietro commemorato oggi ne fu nominato abate, incarico che svolse per i successivi otto anni, diventando noto per la santità e l'assistenza pratica che offriva a coloro che ne avevano bisogno. In questo periodo, con l'aiuto di Amedeo III di Savoia, costruì un ostello e un ospedale per i pellegrini.

Nel 1140, l'arcivescovo di Tarantasia (la regione montuosa attorno a Maitiers nell'attuale dipartimento della Savoia) morì c fu sostituito dal cappellano di Amedeo III, Isdraél, che però si dimostrò così inadatto per quell'incarico che il papa fu costretto a destituirlo. Pietro, a cui fu chiesto di prenderne il posto, all'inizio rifiutò, ma alla fine, su insistenza di S. Bernardo (20 ago.) e di altri abati cistercensi, decise di accettare la nomina, e per i successivi quindici anni s'impegnò alacremente per proporre e consolidare un programma di riforma nell'arcidiocesi. Per questioni di priorità, nominò un nuovo capitolo cattedrale (canonici agostiniani, con cui visse in comunione pur continuando, come il suo predecessore e omonimo cistercense, a indossare la tonaca e a seguire la regola dell'ordine). Dopo aver assegnato sacerdoti devoti ed esemplari alle parrocchie, li sostenne facendo loro visita frequentemente, inoltre incoraggiò l'istituzione di scuole e ospedali. Divenne anche noto come intermediario e diversi papi, incluso il B. Eugenio 111 (1145-1153; 8 lug.) e Adriano IV (1154-1159) sfruttarono le sue capacità, come anche la corte di Savoia.

Si diceva che fossero avvenuti dei miracoli per sua intercessione, mentre stava decidendo su una disputa a favore di Adriano IV, che gli fecero guadagnare quella fama di santità che lo spaventava. Sperando di recuperare la solitudine perduta, lasciò l'arcidiocesi in segreto, durante il 1155, e si recò in Svizzera, dove entrò nell'abbazia cistercense di Lucelle, nella diocesi di Basilea, come fratello laico. Quando fu scoperto un anno dopo, e costretto a tornare nella sua arcidiocesi, si dedicò al suo lavoro con la tipica devozione: trasformò il palazzo arcivescovile in un ricovero per poveri, con cui condivideva i pasti, e fondò vari istituti di carità per soddisfare le loro necessità, tra cui il più noto è il Pane di Maggio, che si dice abbia continuato a svolgere la sua attività fino al periodo della Rivoluzione: a sue spese, minestra e pane furono distribuiti a chiunque ne avesse bisogno, e si recasse alla porta del palazzo dell'arcivescovo durante il periodo immediatamente precedente al raccolto. Sempre preoccupato del benessere dei pellegrini e viandanti, ricostruì e ingrandì anche l'ospizio al passo del Piccolo S. Bernardo.

Nel 1159, Pietro fu coinvolto nel fosco mondo della politica papale e imperiale. Adriano IV, che aveva commesso l'errore di alienarsi il supporto di Federico I Barbarossa quando si era incoronato da solo imperatore il 18 giugno 1155, morì li settembre. La sua morte fu seguita da un'elezione discussa; una maggioranza degli elettori votò per Orlando Bandinelli, che divenne papa con il nome di Alessandro III (1159-1181), ma un gruppo di elettori a favore dell'imperatore votò per il cardinale Ottaviano di Monticelli, che elessero con il nome di Vittore IV, dando così origine a uno scisma che durò diciotto anni. Strenuo difensore dell'unità della Chiesa, Pietro fu uno dei pochi vescovi che riuscirono a contrapporsi effettivamente all'imperatore e all'antipapa. Viaggiò senza sosta per tutta la Tarantasia, oltre che per la Borgogna, l'Alsazia, e la Lorena, predicando l'unione e la lealtà ad Alessandro III. Diverse volte durante gli anni seguenti tentò di persuadere Federico a essere meno intransigente, facendo direttamente appello al lato migliore del suo carattere. Ogni tentativo, tuttavia, fu inutile, benché avesse ricevuto l'appoggio di vari abati cistercensi, tra cui Lamberto di Citeaux e Aelredo di Rievaulx (12 gen.).

Nel 1173, per richiesta del papa, Pietro si trovava a Limoges alla corte del re inglese, Enrico II (1154-1189), per contribuire alla rappacificazione di quest'ultimo e Luigi VII di Francia (1137-1179). Tn questo compito, fu assistito da Gualtiero Map, allora al servizio di Enrico, che lo descrisse come «un uomo allegro, e dall'aspetto felice in ogni circostanza, pulito, modesto, umile, dai modi sempre perfetti, come pensiamo io e molti altri». Map aggiunse che «vide un miracolo operato dalle mani del Signore e udito da molti [...] un uomo di una tale virtù e distinto da così tanti prodigi da poter essere proclamato alla pari degli antichi padri venerati dalla Chiesa, attraverso i quali il Signore [...] ha guarito i malati e scacciato gli spiriti maligni, né ha mai tentato di fare ciò che non ha fatto». Il Mercoledì delle Ceneri del 1174, Pietro si trovava nell'abbazia cistercense di Montmorency, dove benedisse le ceneri e celebrò la Messa per il re d'Inghilterra ed il suo seguito. Non era tornato da molto in Tarantasia, quando il papa gli chiese di recarsi all'abbazia di Bellevaux nella Franca Contea per sistemare le questioni d'attrito che erano sorte ira i monaci.

Durante il viaggio si ammalò di febbre e, sebbene riuscisse a raggiungere il monastero, morì il 14 settembre, e fu inumato nella chiesa del monastero a Bellevaux, davanti all'altare della Vergine. Nei successivi dicci anni, Goffredo di Auxerre, poi abate di Hautecombe, che aveva avuto frequenti contatti con Pietro, scrisse una Vita, con la speranza della canonizzazione, che avvenne in realtà non meno di venti anni dopo, il 10 maggio 1191, per merito di papa Celestino 111 (1191-1198). Le reliquie più importanti sono conservate dall'abbazia di Tamié e S. Giorgio di Vesoul.

MARTIROLOGIO ROMANO. Nel monastero di Beauvale nel territorio di Besançon in Francia, transito di san Pietro, che, da abate cistercense passò a reggere con ardente zelo la sede di Moûtiers, alla quale era stato elevato, promuovendo con fervore la concordia tra le popolazioni.

Lascia un pensiero su San Pietro II di Tarantasia

Ti può interessare anche:

Santi Pietro e Paolo
- Santi Pietro e Paolo
Apostoli
Tutto il Popolo di Dio è debitore verso di loro per il dono della fede. Pietro è stato il primo a confessare che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio....
Cattedra di San Pietro Apostolo
- Cattedra di San Pietro Apostolo
Consegna delle chiavi
Tu sei Pietro, e a te darò le chiavi del regno * Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo,...
San Pietro
- San Pietro
Apostolo
Pietro nacque a Betsaida in Galilea da poveri genitori. Quegli che doveva divenire il primo Papa, la prima colonna della Chiesa, era un semplice pescatore....
San Pietro Claver
- San Pietro Claver
Sacerdote
Nato da Pietro ed Anna Claver l'anno 1585 a Verdù in Spagna, il nostro Santo fin dai primi anni fu educato cristianamente. Inviato a Barcellona per gli...
Dedicazione delle basiliche dei Santi Pietro e Paolo
- Dedicazione delle basiliche dei Santi Pietro e Paolo
Apostoli
Come l'anniversario della dedicazione del tempio di Gerusalemme era giorno solenne presso gli Ebrei, cosi i cristiani celebrano la consacrazione delle...
San Pietro Crisologo
- San Pietro Crisologo
Vescovo e dottore della Chiesa
S. Pietro Crisologo fu nel secolo v difensore della Chiesa occidentale contro gli Eutichiani. Nacque da agiata famiglia di Imola e fu battezzato dal vescovo...
San Pietro da Verona
- San Pietro da Verona
Sacerdote e martire
Nacque a Verona, l'anno 1200. Benché i suoi genitori e tutti i suoi parenti fossero manichei, il nostro Pierino, protetto dalla divina grazia, rimase...
San Pietro Nolasco
- San Pietro Nolasco
Fondatore dei Mercedari
S. Pietro Nolasco nacque da nobile famiglia a Recaud presso Carcassone in Francia l'anno 1189 e, fin da fanciullo si distinse per la singolare carità...
Santi Marcellino e Pietro
- Santi Marcellino e Pietro
Martiri
Marcellino e Pietro appartenevano al clero romano. Il primo era prete, l'altro esorcista. Insigni per virtù e per prodigi, erano ammirati e venerati da...
San Pietro Canisio
- San Pietro Canisio
Sacerdote e dottore della Chiesa
È un degno figlio di S. Ignazio di Loyola, destinato da Dio a risplendere di luce vivissima nella Germania, nel tempo in cui Lutero si ribellava alla...
Santi Nicola Tavelic, Stefano da Cuneo, Deodato Aribert da Ruticinio e Pietro da Narbona
- Santi Nicola Tavelic, Stefano da Cuneo, Deodato Aribert da Ruticinio e Pietro da Narbona
Sacerdoti francescani, martiri
Stefano nacque a Cuneo nel 1340 circa fu un francescano, martire per la fede a Gerusalemme con tre confratelli. Divenne francescano della provincia...
San Pietro Giuliano Eymard
- San Pietro Giuliano Eymard
Sacerdote
Primogenito di numerosa prole, Pier Giuliano Eymard nacque a La Mure d'Isère nel Delfinato, il 4 febbraio 1811. Prediletto dalla grazia, sentì fin...
San Pietro Liu Wenyuan
- San Pietro Liu Wenyuan
Martire
Pietro, noto anche come Ouen Yen, era un catechista cinese che subì il martirio venendo strangolato per il nome di Cristo. Prima di morire, mentre era...
San Pietro d'Alcantara
- San Pietro d'Alcantara
Ad Alcantara, piccola città della Estremadura nella Spagna, nacque S. Pietro verso l'anno 1499. La vita di questo Santo fu quanto mai varia ed attiva....
San Pietro Sanz i Jordà
- San Pietro Sanz i Jordà
Vescovo e martire
Questi cinque martiri erano tutti frati domenicani spagnoli che la-sciarono il loro paese per la pericolosa missione cinese. Pietro, che proveniva da Asco...
San Pietro Chanel
- San Pietro Chanel
Sacerdote e martire
Pietro Luigi Maria Chanel nacque nel 1803 nel casale di La Potière nella Francia orientale, circa ottanta chilometri a nord est di Lione. Era il quinto...
Santi Antonio Daveluy e compagni
- Santi Antonio Daveluy e compagni
Martiri
Antonio Daveluy nacque il 16 marzo 1818 ad Amiens. Nel 1843 si unì alle Missioni estere di Parigi e arrivò a Macao nel 1844 dove il vescovo Ferréol...
San Pietro di Chavanon
- San Pietro di Chavanon
Sacerdote
Un racconto relativamente dettagliato di Pietro di Chavanon è stato tramandato sotto forma di biografia, scritta quasi quarant'anni dopo la sua morte...
San Pietro di Arbues
- San Pietro di Arbues
Martire
Uno dei problemi principali della Spagna medievale fu come bilanciare gli interessi della maggioranza cristiana con quelli delle minoranze ebraiche e musulmane,...
San Pietro di Poitiers
- San Pietro di Poitiers
Vescovo
Nel 1087, Pietro fu eletto vescovo di Poitiers, dopo essersi guadagnato una reputazione di santità e austerità come arcidiacono della diocesi, caratteristiche...
San Pietro Pappacarbone
- San Pietro Pappacarbone
Abate di Cava
Pietro Pappacarbone nacque a Salerno ed era nipote di S. Alferio, fondatore e primo abate del monastero di Cava dei Tirreni. Pietro entrò a Cava nel periodo...
San Pietro di Betancur
- San Pietro di Betancur
Fondatore in Guatemala
Pietro, il cui nome completo era Pietro di S. Giuseppe, nacque a Villaflor (Tenerife) nelle isole Canarie, nel 1619; secondo alcune narrazioni il luogo...
San Pietro di Sebaste
- San Pietro di Sebaste
Vescovo
Pietro da Scbaste era il più piccolo dei dieci figli di S. Basilio il Vecchio e di S. Emmelia, e membro di una delle più eccezionali famiglie di santi....
San Pietro Gonzales
- San Pietro Gonzales
Domenicano
Pietro era per nascita spagnolo di Castiglia e di nobile famiglia; fu educato da uno dei suoi zii, vescovo di Astorga, che ottenne per lui un posto di...
Santi Pietro, Doroteo e Gorgonio
- Santi Pietro, Doroteo e Gorgonio
Martiri di Nicomedia
Diocleziano, imperatore romano, si trovava in Nicomedia quando venne a sapere che vi erano dei cristiani in casa sua. Per identificarli ideò un semplice...
Segui il santo del giorno:

Seguici su FB Seguici su TW Seguici su Pinterest Seguici su Instagram
Mostra santi del giorno:
Mostra santi
Usa il calendario:
Oggi 23 settembre si venera:

San Pio da Pietrelcina
- San Pio da Pietrelcina
Sacerdote cappuccino
Pochi santi furono, come padre Pio, dotati di doni straordinari che hanno richiamato su di lui l'attenzione del mondo intero: le stimmate, il profumo misterioso che emanava dal suo corpo, i carismi di...
Altri santi di oggi
Domani 24 settembre si venera:

San Pacifico da San Severino Marche
- San Pacifico da San Severino Marche
Pacifico da San Severino, al secolo Carlo Antonio Divini, fu un frate minore osservante italiano. Beatificato da Pio V nel 1786, venne proclamato santo da papa Gregorio XVI nel 1839. Era figlio di Antonio...
Altri santi di domani
newsletter Iscriviti alla newsletter per ricevere il santo del giorno sulla tua email:

Iscriviti