San Francesco Solano

San Francesco Solano
Nome: San Francesco Solano
Titolo: Sacerdote
Nome di battesimo: Francisco Solano
Nascita: 1549, Montala, Cordova
Morte: 1610, Lima, Perù
Ricorrenza: 14 luglio
Martirologio: edizione 2004
Tipologia: Commemorazione
Protettore:
dalla siccità
Beatificazione:
30 giugno 1675, Roma, Papa Clemente X
Canonizzazione:
30 dicembre 1726, Roma, papa Benedetto XIII


Francesco Solano, nato a Montala, Cordova, nel 1549, da genitori benestanti, si unì ai francescani all'età di vent'anni, e fu ordinato sacerdote nel 1576. Cinque anni dopo fu nominato maestro dei novizi e divenne famoso come popolare ed efficace predicatore, svolgendo la sua attività per tutta la Spagna meridionale per molti anni e aiutando le vittime della peste a Montoro nel 1583, dove anch'egli contrasse questa malattia.

Pensò di andare in Africa come missionario, ma nel 1589 i suoi superiori gli ordinarono di recarsi invece in Perù, per richiesta di re Filippo II, poiché mancavano missionari, rispetto al Messico, che era più accessibile. Durante il viaggio la loro nave incontrò una tempesta e i passeggeri e l'equipaggio s'imbarcarono su singole scialuppe, abbandonando un gruppo di schiavi africani perché non c'era abbastanza spazio per loro.

Francesco, che li stava istruendo sulla fede, rifiutò di lasciare la nave che stava affondando: restò sul relitto, battezzò gli schiavi, e quando la nave affondò, raggiunse con i superstiti una spiaggia, dove furono poi salvati.

Francesco svolse il suo ministero per vent'anni tra la popolazione nativa e i colonizzatori spagnoli in varie parti del Perù e negli attuali Paraguay e Argentina. Quando vi giunse, il fervore iniziale dei missionari era notevolmente diminuito, nonostante le riforme ordinate da S. Turibio di Mogrovejo (23 mar.). Francesco fu uno dei missionari determinati a mettere in pratica tali riforme; intraprese un certo numero di viaggi pericolosi attraversando territori selvaggi, e imparò la lingua locale, nelle sue soste temporanee. Trascorse molti anni nella remota provincia di Tucumàn (nell'attuale Argentina nord occidentale), che era allora una regione distante, all'estremo opposto di Lima sulle Ande, e nel Paraguay. Tucumàn aveva sofferto perché un vescovo, già fonte di scandali, si era opposto a Turibio.

Francesco battezzò molta gente, e fece accettare il cristianesimo in quella regione (sebbene, come altrove, gli indigeni "convertiti" continuassero a praticare il loro culto tradizionale affianco a quello cattolico). Si dice che abbia anche difeso gli indigeni dai maltrattamenti dei padroni spagnoli, intenti a ottenere il massimo profitto dai lavori forzati nelle vicine miniere d'argento di Potosí, e che introdusse una forma primitiva di violino nella vita della giungla, per suonare e danzare con le tribù che vivevano in quel luogo. Si sostiene anche che suonasse questo strumento nelle devozioni alla Madonna, a notte inoltrata. Fu nominato "guardiano" nel 1592, con l'incarico di supervisionare le varie missioni che aveva fondato durante i suoi viaggi, ma non si hanno molte informazioni precise sugli anni trascorsi in questa regione "selvaggia"; esistono solo leggende di guarigioni miracolose e di episodi di addomesticamento di animali selvaggi.

Fu poi trasferito a Lima, forse nel 1594 o nel 1595, e sembra che abbia trascorso circa sette anni viaggiando estesamente attraverso il vicereame del Perù. La sua salute peggiorò, poi fu nominato guardiano del monastero a Lima, e, per un certo periodo, di quello di Trujillo. Interessandosi degli spagnoli di quella e di altre città, mise in luce un altro lato del suo carattere, il puritanesimo.

Si diceva avesse spaventato il popolo così tanto con le sue omelie sulla fine del mondo e con il suo procedere attraverso le strade reggendo il crocifisso, che il viceré dovette intervenire e chiedergli di moderare i suoi sermoni. I ricchi di Lima probabilmente ebbero buone ragioni per aver paura delle sue restrizioni: sembra che facesse irruzione nei teatri e nelle case da gioco per rimproverarli del loro modo di vivere vizioso.

Si pensava avesse il dono della profezia e della parola, e i suoi miracoli gli fecero guadagnare il titolo di "Taumaturgo del Nuovo Mondo", mentre il sacerdote, durante le esequie, lo definì «speranza ed edificazione di tutto il Perù, esempio e gloria di Lima, splendore dell'ordine serafico».

Gli furono attribuiti più di duecentomila battesimi. Abbondano anche le storie sul suo buon umore, secondo cui avrebbe detto di recarsi a fare una serenata a una bella donna, mentre andava a pregare nella cappella della Madonna; fece portare a un frate avido una cassa pesante, dicendogli che era piena di tesori, quando in realtà conteneva il corpo di un bambino indigeno da seppellire. Fu ricoverato nell'infermeria dal 1608 fino al giorno della sua morte, il 14 luglio 1610, e al funerale la sua bara fu portata dal viceré, dall'arcivescovo e da altre autorità di Lima; il suo culto si estese rapidamente in America meridionale e in Spagna. Beatificato nel 1675, canonizzato nel 1726, merita di essere elencato tra i grandi missionari della Riforma cattolica; è patrono di molte città dell'America meridionale.

MARTIROLOGIO ROMANO. A Lima in Perù, san Francesco Solano, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori, che per la salvezza delle anime percorse in lungo e in largo le regioni dell’America Meridionale e si adoperò con la predicazione e la testimonianza per insegnare ai popoli indigeni e agli stessi coloni spagnoli la novità della vita cristiana.

Lascia un pensiero a San Francesco Solano

Ti può interessare anche:

San Francesco d'Assisi
- San Francesco d'Assisi
Patrono d'Italia
S. Francesco nacque ad Assisi l'anno 1182 da Pietro Bernardone e da madonna Pica, ricchi commercianti. La sua nascita fu circondata da avvenimenti misteriosi...
San Francesco da Paola
- San Francesco da Paola
Eremita e fondatore
S. Francesco, detto da Paola dalla sua città natale, nacque nel 1416. I suoi genitori lo ebbero dal Signore per intercessione di S. Francesco d'Assisi...
San Francesco di Sales
- San Francesco di Sales
Vescovo e dottore della Chiesa
Francesco nacque l'anno 1567 nel castello di Sales, diocesi di Ginevra, da Francesco, conte di Sales, e da Francesca di Sionas. Fin dai primi anni mostrò...
San Francesco Saverio
- San Francesco Saverio
Sacerdote
Il giorno 7 aprile dell'anno 1506, nel castello di Saverio, nella Navarra, nasceva colui che Urbano VIII chiamerà « l'Apostolo delle Indie », S. Francesco...
San Francesco Caracciolo
- San Francesco Caracciolo
Sacerdote
Come già nell'Antico Testamento, cosi nel Nuovo, Dio non tralascia mai di suscitare, secondo le necessità della Chiesa, uomini eminenti per santità, zelo...
San Francesco Antonio Fasani
- San Francesco Antonio Fasani
Presbitero
Francesco Antonio Fasani religioso dei frati minori convettuali, visse in modo straordinario la quotidiana ordinarietà, fondando la sua vita sull'imitazione...
San Francesco Maria da Camporosso
- San Francesco Maria da Camporosso
Laico cappuccino
Nacque il beato Francesco Maria il 27 dicembre 1804 da Giovanni Croese e da Maria Antonia Garzo a Camporosso, ridente paesello sulla riviera ligure nell'attuale...
San Francesco Borgia
- San Francesco Borgia
Sacerdote
Francesco Borgia, duca di Gandia, terzo generale della Compagnia di Gesù, era figlio primogenito di Giovanni Borgia e di Giovanna d'Aragona, principi di...
San Francesco De Geronimo
- San Francesco De Geronimo
Sacerdote
Francesco Di Girolamo (De Geronimo) nacque a Grottaglie (Taranto), primo di undici fratelli, e trascorse la maggior parte della sua vita a Napoli, di cui...
San Francesco Saverio Maria Bianchi
- San Francesco Saverio Maria Bianchi
Barnabita
Nato ad Arpino, nell'allora Regno delle Due Sicilie, si recò a Napoli per gli studi ecclesiastici ricevendo la tonsura appena quattordicenne. Suo padre...
San Francesco Fernandez de Capillas
- San Francesco Fernandez de Capillas
Domenicano, martire
Francesco nacque nella provincia di Valladolid in Castiglia; entrato nei domenicani a diciassette anni, si recò come missionario volontario nelle Filippine...
Santi Domenicani in Cina
- Santi Domenicani in Cina
Martiri
Francesco Serrano nacque a Hueneja (Granada) nel 1695. Si unì ai Domenicani nel convento di Santa Cruz la Real de Granada; Nel 1725 arrivò nelle Filippine...
Segui il santo del giorno:

Seguici su FB Seguici su TW Seguici su Pinterest Seguici su Instagram
Mostra santi del giorno:
Mostra santi
Usa il calendario:
Oggi 7 febbraio si venera:

San Riccardo
San Riccardo
Re degli Inglesi
Il santo di oggi non fu realmente re ed è sconosciuto anche il suo vero nome. Nome e titolo derivano dal racconto che si narra a Eichstätt in Baviera nel X secolo e a Lucca nel XII secolo a causa della...
Altri santi di oggi
Domani 8 febbraio si venera:

San Girolamo Emiliani
San Girolamo Emiliani
Fondatore
Dalla nobile famiglia degli Emiliani, nasceva in Venezia nel 1486 S. Girolamo. L'infanzia e la giovinezza sua ci sono quasi totalmente ignote e solo nel 1511, quand'ormai ha trent'anni, lo troviamo capitano...
Altri santi di domani
newsletter

Iscriviti
Oggi 7 febbraio nasceva:

San Tommaso Moro
San Tommaso Moro
Martire
Prima che la scure gli staccasse di netto la testa, Tommaso Moro (Thomas More), rivolto al carnefice, disse: «Pregare Iddio per il re, che lo illumini e lo ispiri». Quel re si chiamava Enrico VIII, del...
Oggi 7 febbraio si recita la novena a:

- Sant' Apollonia
I. Per quell’acutissimo dolore che voi soffriste, o gloriosa s. Apollonia, quando per ordine del tiranno vi furono strappati i denti che tanto aggiungevano di decoro al vostro angelico volto, otteneteci...
- Madonna di Lourdes
Nostra Signora di Lourdes, salute dei malati, prega per noi. Nostra Signora di Lourdes, Intercedi per la guarigione dei malati che ti raccomandiamo. Ottieni loro un aumento di forza se non la salute. Proposito...
- San Valentino
Quel Dio che abbatte i superbi, ed esalta gli umili, non patì che la virtù del suo gran servo Valentino rimanesse nascosta nei recessi domestici; ma volle che più luminosa risplendesse sul trono dei Pastori...
- Beata Speranza di Gesù
Preghiera introduttiva Gesù mio, grande è il mio dolore considerando la disgrazia che ho avuto di offenderti tante volte. Tu invece, con cuore di Padre, non solo mi hai perdonato ma con le tue parole...