Cerca un santo:

Sant' Antonio Maria Gianelli

Sant' Antonio Maria Gianelli
Nome: Sant' Antonio Maria Gianelli
Titolo: Vescovo
Ricorrenza: 07 giugno




Carro è un grazioso paese ligure, adagiato sui contrafforti dell'Appennino. Offre un aspetto delizioso e gaio, grazie al suo cielo purissimo, alle sue colline lussureggianti, alla freschezza del suo clima. È capoluogo di comune, ed è attorniato da varie frazioncelle: in una di queste, Cereta, nacque Antonio Gianelli, il 12 aprile 1789. I suoi genitori erano poveri, ma onesti campagnoli. La madre, donna semplice e di profonda religiosità, era tutta sollecitudine per il marito e la famigliola. Il padre eccelleva per l'onestà e soprattutto per la carità verso i poveri.

La madre, nell'imminenza del parto, era stata presa da una febbre così violenta, da far temere della sua vita. Allora la buona donna, preoccupata più della prole che di se stessa, chiese che fosse celebrata per lei una Messa nella cappella locale. Appena il sacerdote ebbe intonato il « Gloria in excelsis », venne felicemente alla luce l'atteso figlio, non malaticcio, come si temeva, ma vegeto e sano.

Nell'infanzia il piccolo Antonio diede sicuri indizi della santità cui sarebbe arrivato. Verso i genitori praticò un'obbedienza docile e pronta. Imparò assai per tempo a recitare il Rosario. Amava grandemente ascoltare la parola di Dio. A cinque anni, durante la sagra paesana, un contadino, presolo sulle braccia, lo pose su un muricciolo, esortandolo a tessere le lodi del titolare S. Giovanni Battista. Il piccino non si impaurì, ma parlò con franchezza e a voce alta, esortando i presenti all'imitazione delle virtù del Precursore.

Dotato di ingegno vivace, sentiva una forte inclinazione allo studio. Furono anni duri. Doveva ogni giorno compiere un buon tratto di strada: il che diveniva penoso durante il gelido inverno. Ma la sua volontà non venne mai meno, ed egli ogni giorno si perfezionava nel sapere e nella pietà. Ebbe per maestro il Prevosto di un paese vicino, alla cui scuola rimase fino ai diciotto anni. Sentendo una forte propensione alla carriera ecclesiastica, potè presto recarsi, con l'aiuto di una buona benefattrice, nel Seminario di Genova, per compiervi gli studi necessari. Fu un seminarista modello: godeva la massima fiducia dei superiori. Il 23 maggio 1812 ricevette gli Ordini Sacri, nonostante fosse solamente nel secondo anno di teologia. Il nostro Santo poi terminò gli studi teologici da solo, con l'usuale applicazione. I suoi primi anni di sacerdozio furono contrassegnati dall'umiltà, dalla dedizione al dovere e dalla carità verso gli indigenti.

Nel 1813 gli fu offerta la Cattedra di Rettorica nel Collegio di Carcare. Dietro approvazione del Vescovo, acconsenti. La sua valentia subito rifulse, tanto che solo un anno dopo fu chiamato alla medesima Cattedra nel Seminario di Genova. E tale ufficio disimpegnò per dieci anni, sempre distinguendosi per elevatezza d'ingegno e singolare pietà. Animato da fervido zelo, trovò il tempo di predicare varie missioni. La sua parola calda, eloquente, penetrava nell'animo di tutti e commuoveva i cuori più induriti.

Ma il Signore gli riserbava altri compiti. E così nel 1826 divenne Arciprete di Chiavari, con grande compiacimento di quella brava gente. La predicazione fu l'apostolato preferito e principale. Tutti volevano udirlo. Ricevette anche l'ufficio di Vicario Arcivescovile. Fra tutte le occupazioni, trovava il tempo di collaborare a molte Missioni. Da arciprete, fondò l'Istituto delle Figlie di Nostra Signora dell'Orto, oggi diffuso un po' dappertutto, e che ha per scopo il soccorso e l'assistenza del prossimo.

Nel 1838 venne eletto Vescovo di Bobbio. Nella pienezza del sacerdozio, esplicò in un campo più vasto quelle iniziative apostoliche alle quali aveva atteso fino allora con tanto fervore. Tre cose principalmente curò: il miglioramento cristiano del popolo, la riforma del clero, il riordinamento del Seminario. Però la diffusione della Verità tramite la predicazione rimase sempre la sua preoccupazione suprema.

Fondò gli Oblati di S. Alfonso per la predicazione. Si distinse soprattutto per eroismo di virtù, devozione alla Madonna, carità verso il prossimo, purezza angelica. Si spense nel bacio del Signore il 7 giugno 1846, festa della SS. Trinità. I suoi funerali furono un'apoteosi.

PRATICA. Impariamo ad apprezzare e valorizzare la parola di Dio.

PREGHIERA. O Signore Onnipotente, che ti sei degnato di manifestare nel Santo Antonio Gianelli una traccia della tua misericordia e bontà, fa' che egli ci ottenga la grazia di imitarlo in vita, per poterlo un giorno raggiungere nella patria celeste.

Lascia un pensiero su Sant' Antonio Maria Gianelli

Ti può interessare anche:

Sant' Antonio di Padova
- Sant' Antonio di Padova
Sacerdote e dottore della Chiesa
Sant'Antonio nacque a Lisbona nel 1195 da genitori favoriti da Dio di ricchezze spirituali e di un certo benessere. Dopo la prima educazione ricevuta nella...
Sant' Antonio
- Sant' Antonio
Abate
Antonio nacque presso Eraclea (Egitto Superiore) nel 251 da nobili genitori, ricchi e timorati di Dio, i quali si presero grande cura di educarlo cristianamente....
Sant' Antonio Maria Claret
- Sant' Antonio Maria Claret
Vescovo
Era il 24 dicembre 1807. Nel piccolo paese di Sallent (Barcellona) veniva alla luce Antonio M. Claret. Ottimi genitori i suoi: onesti, laboriosi, fiduciosi...
Sant' Antonio Maria Zaccaria
- Sant' Antonio Maria Zaccaria
Sacerdote
S. Antonio Maria Zaccaria nacque a Cremona sulla fine dell'anno 1502. Compi i primi studi nella sua città, poi si recò a Padova per studiare filosofia...
Segui il santo del giorno:

Seguici su FB Seguici su TW Seguici su Google PLUS Seguici su Instagram
Banner Papa Francesco
Mostra santi del giorno:
Mostra santi
Oggi 21 settembre si venera:

San Matteo
- San Matteo
Apostolo ed evangelista
S. Matteo, che prima si chiamava Levi, è l'autore del primo Vangelo, che scrisse in aramaico, ed è uno dei primi Apostoli che Gesù chiamò alla sua...
Altri santi di oggi
Domani 22 settembre si venera:

San Maurizio e Compagni
- San Maurizio e Compagni
Martiri della Legione Tebea
Durante l'impero di Diocleziano e Massimiano, fra le legioni romane ve n'era una chiamata « Legione Tebea ». Era composta di 6600 uomini, tutti cristiani,...
Altri santi di domani
newsletter Iscriviti alla newsletter per ricevere il santo del giorno sulla tua email:

Iscriviti
Cattolici Vegetariani