Santo del Giorno
Cerca un santo:

San Vitale di Savigny

San Vitale di Savigny
Nome: San Vitale di Savigny
Titolo: Abate
Ricorrenza: 16 settembre
Tipologia: Commemorazione




La fonte principale delle notizie su S. Vitale è una biografia scritta da Stefano di Fougère, un cappellano alla corte di re Enrico II che successivamente diventò vescovo di Rennes, e pur contenendo dettagli azzardati, dato che Stefano morì nel 1178, ha il vantaggio di essere più o meno contemporanea. Dopo aver completato il regolare corso di studi, Vitale fu per un breve periodo cappellano del fratellastro di Guglielmo il Conquistatore, Roberto de Mortain, poi, nel 1095, andò a vivere come eremita a Dompierre, in un luogo che aveva già sfruttato come ritiro, e quando i discepoli cominciarono a raccogliersi intorno al suo eremo, fondò l'abbazia di Savigny, introducendovi, in veste di abate, alcune riforme, e accertandosi che la regola di S. Benedetto fosse osservata fedelmente. Sembra che abbia viaggiato molto e che sia stato considerato uno dei maggiori predicatori dell'epoca; si raccontò che durante una delle diverse visite in Inghilterra fosse compreso da ogni membro di una numerosa congregazione, nonostante non parlasse inglese e che i monaci nel complesso non capissero il francese.

Non si accontentò semplicemente di predicare, tuttavia, ma anche i suoi rapporti con le persone con cui veniva a contatto furono a livello pratico: fece costruire un orfanotrofio e un ostello per pellegrini, e s'interessò particolarmente della condizione delle prostitute, facendo il possibile per maritarle.

Era noto perché esprimeva le sue idee apertamente senza tenere conto a chi si rivolgeva. Papa Callisto II (1119-24), dopo averlo sentito parlare al sinodo di Reims nel 1119, osservò che non aveva mai sentito affermare la verità con maggior forza e con meno lusinghe. Vitale morì, secondo i suoi biografi, il 16 settembre 1122, mentre stava recitando l'Ufficio della B. Vergine in coro.

L'1 maggio 1243, con il permesso dell'abate di Oteaux (Savigny si era unita a Oteaux nel 1147), le spoglie furono collocate nella chiesa dell'abbazia; la bara fu profanata nel 1793 durante la Rivoluzione, ma i resti raccolti in una cassetta di legno. La "riforma" di Savigny divenne popolare e fu adottata da altre abbazie, compresa Buckfast nel Devon.

MARTIROLOGIO ROMANO. A Savigny nella Normandia in Francia, san Vitale, abate, che, lasciati gli incarichi terreni, apprese a coltivare in luoghi deserti una più stretta osservanza e aggregò molti seguaci nel cenobio da lui stesso fondato.

Lascia un pensiero su San Vitale di Savigny

Ti può interessare anche:

Santi Vitale e Agricola
- Santi Vitale e Agricola
Protomartiri bolognesi
Vitale ed Agricola subirono il martirio nella persecuzione di Diocleziano e Massimiano. S. Agricola, gentiluomo della città di Bologna, faceva pubblicamente...
Segui il santo del giorno:

Seguici su FB Seguici su TW Seguici su Pinterest Seguici su Instagram
Mostra santi del giorno:
Mostra santi
Usa il calendario:
Oggi 23 settembre si venera:

San Pio da Pietrelcina
- San Pio da Pietrelcina
Sacerdote cappuccino
Pochi santi furono, come padre Pio, dotati di doni straordinari che hanno richiamato su di lui l'attenzione del mondo intero: le stimmate, il profumo misterioso che emanava dal suo corpo, i carismi di...
Altri santi di oggi
Domani 24 settembre si venera:

San Pacifico da San Severino Marche
- San Pacifico da San Severino Marche
Pacifico da San Severino, al secolo Carlo Antonio Divini, fu un frate minore osservante italiano. Beatificato da Pio V nel 1786, venne proclamato santo da papa Gregorio XVI nel 1839. Era figlio di Antonio...
Altri santi di domani
newsletter Iscriviti alla newsletter per ricevere il santo del giorno sulla tua email:

Iscriviti