San Pirmino

San Pirmino
Nome: San Pirmino
Titolo: Abate
Morte: 753 , Hornbach, Germania
Ricorrenza: 3 novembre
Martirologio: edizione 2004
Tipologia: Commemorazione


L'evangelizzazione iniziale di ciò che divenne il granducato di Baden, che oggi è parte del Baden Wiirttemberg, fu ottenuta principalmente grazie a un gruppo di monasteri: uno dei fondatori fu S. Pirmino, che proveniva probabilmente dal sud della Gallia o dalla Spagna, per sfuggire ai saraceni. Secondo una breve Vita latina, scritta da un monaco di Hornbach nel DC secolo, Pirmino si recò a Roma in giovane età per ottenere la benedizione del papa per la sua missione. È ricordato come predicatore, ma divenne ancor più famoso come fondatore di monasteri, in Germania, dove erano considerati come un mezzo potente per diffondere il cristianesimo, e in Alsazia, anche per interessi politici; inoltre ricostruì anche l'abbazia di Disentis, nei Grigioni in Svizzera, distrutta dagli Avari.

È più famoso per essere stato il primo abate di Reichenau, il monastero benedettino più antico della Germania, che Pirmino fondò nel 724 su un'isola del Lago di Costanza, e fu a lungo in competizione con il monastero di San Gallo, per importanza. Pirmino fu successivamente esiliato per ragioni politiche e fuggì in Alsazia, dove fondò il monastero a Murbach, tra Treviri e Metz, oltre al monastero benedettino ad Amorbach, nella Bassa Franconia; inoltre gli è attribuita la paternità di un manuale d'istruzioni popolari, il Dieta Pirmini, o Scarapsus, assai diffuso durante il Medio Evo.

Pirmino non fu mai vescovo di Meaux, come afferma il Martirologio Romano, anche se fu un vescovo regionale. Morì nel 753, e presto si sviluppò il culto, anche prima della fine dell'vin secolo; fu riportato alla ribalta nel xix secolo, quando le due diocesi di Hornbach e Speyer si unirono.

MARTIROLOGIO ROMANO. Nel monastero di Hornbach presso Strasburgo in Borgogna, deposizione di san Pirmino, vescovo e abate di Reichenau, che evangelizzò gli Alamanni e i Bavari, fondò molti monasteri e scrisse un libro per i suoi discepoli sulla catechesi degli incolti.

Lascia un pensiero a San Pirmino


Segui il santo del giorno:

Seguici su FB Seguici su TW Seguici su Pinterest Seguici su Instagram
Mostra santi del giorno:
Mostra santi
Usa il calendario:
Oggi 21 febbraio si venera:

San Pier Damiani
San Pier Damiani
Vescovo e dottore della Chiesa
Glorioso collaboratore di S. Gregorio VII e come lui figlio di S. Benedetto. S. Pier Damiani è una delle glorie più fulgide della Chiesa nel secolo xi. Nacque a Ravenna verso l'anno 988 da buona famiglia, ma poco favorita dai beni di fortuna.
Altri santi di oggi
Domani 22 febbraio si venera:

Cattedra di San Pietro Apostolo
Cattedra di San Pietro Apostolo
Consegna delle chiavi
E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli
Altri santi di domani
newsletter

Iscriviti
Oggi 21 febbraio nasceva:

San Roberto Southwell
San Roberto Southwell
Sacerdote gesuita, martire
Questo poeta-martire condivide con Gerard M anley T Topkins (che visse tre secoli dopo) gli allori letterari dei gesuiti inglesi. Come poeta la sua fama andò ben oltre il mondo cattolico e persino religioso...
Altri santi nati oggi
Oggi 21 febbraio si recita la novena a:

- San Gabriele dell'Addolorata
Caro san Gabriele, tu amasti il prossimo di tenero amore e pregasti per la conversione dei peccatori; ottieni a noi un sincero pentimento dei nostri peccati e la grazia di perseverare nelle opere buone...
- Volto Santo di Gesù
Signore Gesù, il tuo volto è l'irradiazione della Gloria del Padre e l'immagine del suo volto. Sulle tue labbra diffusa la grazia; Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo. Chi vede te vede il Padre tuo...
- Santa Margherita da Cortona
I. Gloriosa s. Margherita, che allo scorgere l’esangue cadavere dell’ucciso vostro amante comprendesti subito l’impurità dei vostri affetti, e convertita a Dio sinceramente, cancellaste con le lacrime...