Santo del Giorno
Cerca un santo:

Beata Umiltà

Beata Umiltà
Nome: Beata Umiltà
Titolo: Badessa Vallombrosana
Nascita: 1226 circa, Faenza
Morte: 22 maggio 1310, Firenze
Ricorrenza: 22 maggio
Tipologia: Commemorazione




Le fasi della vita di Umiltà (moglie, madre, suora, reclusa e fondatrice del convento di suore a Vallombrosa) furono straordinarie per varietà e successi.

Nata a Faenza da una nobile e ricca famiglia, fu battezzata con il nome di Rosanna. All'età di quindici anni la famiglia la obbligò a sposare un nobile del luogo, Ugolotto; ebbero due figli che però morirono in tenera età.

La coppia di sposi era mal assortita e per nove anni Rosanna, onesta e devota, tentò di correggere la condotta frivola e infedele del marito. Una malattia grave, quasi mortale, lo portò infine ad accettare una vita di continenza, come lei desiderava: ed entrambi entrarono nel monastero di S. Perpetua, nei pressi (li Faenza, lei come suora del chiostro e lui come fratello laico.

A ventiquattro anni e con il nuovo nome di Umiltà cercò maggiore solitudine e austerità, prima in un convento di clarisse e poi stabilendosi in una cella adiacente la chiesa di S. Apollinare, dove ottenne la reclusione dall'abate di S. Crispino, monastero vallombrosano. Visse là nutrendosi di pane, acqua e verdure. Nello stesso periodo suo marito si era trasferito a S. Crispino, dove morì tre anni dopo senza, a quanto pare, aver più rivisto la moglie.

Dopo aver vissuto da reclusa per dodici anni, l'abate generale dei vallombrosani e il vescovo locale la persuasero a uscire e a fondare un convento femminile.

A Malta, una località fuori dalle mura di Faenza, divenne così la prima badessa del monastero di S. Maria Novella alla Malta. Fondò un secondo convento femminile dedicato a S. Giovanni Evangelista a Firenze, di cui divenne badessa, morendovi il 22 maggio 1310 all'età di oltre ottant'anni.

Il suo corpo incorrotto fu riesumato nel 1311 e dopo varie vicende traslato nel monastero dello Spirito Santo di Varlungo, vicino a Firenze. È certo che abbia composto alcuni scritti, uno dei quali dedicato agli angeli, con i quali visse in comunione costante. Il suo antico culto fu confermato nel 1721. Venne eletta patrona di Faenza nel 1942.

MARTIROLOGIO ROMANO. A Firenze, beata Umiltà (Rosanna), che, con il consenso del marito, visse dodici anni come reclusa; su richiesta del vescovo, poi, costruì un monastero di cui divenne badessa e che associò all’Ordine di Vallombrosa.

Lascia un pensiero su Beata Umiltà

Segui il santo del giorno:

Seguici su FB Seguici su TW Seguici su Pinterest Seguici su Instagram
Mostra santi del giorno:
Mostra santi
Usa il calendario:
Oggi 29 maggio si venera:

San Massimo di Verona
- San Massimo di Verona
Vescovo
La storicità di Massimo vescovo di Verona è alquanto difficile da stabilire, probabilmente è esistito nel IV secolo. Esso è ricordato in un Martirologio della Chiesa veronese del secolo XVI e nel "Martirologio...
Altri santi di oggi
Domani 30 maggio si venera:

Santa Giovanna d'Arco
- Santa Giovanna d'Arco
Vergine
S. Giovanna nacque l'anno 1412 nel remoto villaggio di Domrémy, dolcemente adagiato sulle sponde della Mosa. Crebbe pura come un giglio, semplice ed incline alla vita austera e penitente: le sue compagne...
Altri santi di domani
newsletter Iscriviti alla newsletter per ricevere il santo del giorno sulla tua email:

Iscriviti