Basilica di Sant'Agostino

Santa Monica
Nome: Basilica di Sant'Agostino
Titolo: Basilica dei Santi Trifone e Agostino in Campo Marzio
Indirizzo: Piazza Sant'Agostino - Roma
Reliquie di: Santa Monica


Definita da Stendhal, nelle sue "Passeggiate Romane", "una delle più gentili opere del '400 a Roma", la chiesa di Sant'Agostino è situata nell'omonima piazza attigua a via della Scrofa e a pochi passi da Piazza Navona, in una parte della vecchia Roma rimasta pressoché inalterata nel corso dei secoli. Una zona questa che è stata sempre molto attiva per quanto riguarda il commercio e l'artigianato, data la sua posizione strategica a metà strada fra il Porto di Ripetta e il Ponte S. Angelo - che univa la città a San Pietro - e vicinissima al mercato che una volta si teneva in Piazza Navona.

La chiesa di Sant'Agostino sorse alla fine del secolo XV nello stesso luogo in cui sorgeva un'altra chiesa più antica, sempre degli Agostiniani.

Si sa per certo, infatti, che nel 1296, sotto il pontificato di Bonifacio VIII si dette inizio alla costruzione della chiesa; essa fu ultimata solo molti anni più tardi ed esattamente nel 1420.

Si sa anche che gli Agostiniani non rimasero per niente soddisfatti di questo tempio dedicato al loro santo fondatore, un po' perché, a lavori ultimati, non risultava così maestoso come loro forse avevano immaginato, un po' perché, trovandosi molto vicino al Tevere, era frequentemente soggetto alle inondazioni del fiume.

Esterno Basilica di Sant'Agostino
L'esterno


E così nel 1479, grazie al talento di due famosi architetti di quel periodo, Giacomo da Pietrasanta e Mastro Sebastiano fiorentino e grazie anche ai soldi di un certo Cardinale d'Estouteville, la chiesa fu ricostruita dalle fondamenta.

In soli quattro anni, cosa incredibile per quei tempi, fu ultimata e, all'esterno, tale è rimasta fino ad oggi.

L'intera costruzione fu sopraelevata rispetto al piano stradale, rimedio efficace contro le inondazioni; una scalinata di quindici gradini precede la bellissima facciata rinascimentale costruita con lastre e blocchi di travertino provenienti dal Colosseo. L'unità dello stile, il grande rosone e le enormi volute la rendono simile alla chiesa fiorentina di S. Maria Novella dell'Alberti.

Interno Basilica di Sant'Agostino
L'interno


L'interno, a croce latina, è diviso in tre navate; in ognuna delle due navate laterali si aprono cinque cappelle. Tutto l'insieme è appesantito dalle aggiunte di gusto neoclassico e dalle pitture ottocentesche.

Affresco Profeta Isaia
Il Profeta Isaia


Di notevole importanza sono l'altare maggiore eseguito su disegno del Bernini; un affresco di Raffaello, sul terzo pilastro sinistro della navata centrale, che rappresenta il profeta Isaia (1512); un dipinto del Caravaggio, la famosa Madonna dei Pellegrini, nella prima cappella della navata sinistra.

Madonna di Loreto
Madonna di Loreto


Altrettanto famosa è anche la Madonna del Parto, bellissima statua marmorea realizzata dal Sansovino nel 1516, che si trova a sinistra del portale mediano.

Madonna del Parto
Madonna del Parto


Insieme al "Bambinello dell'Aracoeli" è una delle immagini più venerate in tutta Roma e anche più adornate di ex voto. Tutto cominciò nel 1820 quando un giovane operaio ordinò al sacrestano di tenere accesa ventiquattro ore su ventiquattro una lampada ad olio davanti alla statua della Vergine per rendere più facile il parto della moglie.

Da quel giorno centinaia di altre lampade furono accese da romani devoti o superstiziosi, e oggi la statua della Madonna è completamente circondata da lampade di ogni tipo, non più ad olio ma elettriche, da cuoricini d'argento, disegni, messaggi, missive, il che non contribuisce certo a rendere più armonico o più austero l'interno della chiesa, ma resta comunque una curiosità su cui soffermarsi.

Da notare, nella seconda cappella a destra della maggiore, intitolata ai SS. Agostino e Guglielmo, i bei dipinti seicenteschi di Giovanni Lanfranco: tele sull'altare e alle pareti, volta affrescata.

VISITA IN TRE DIMENSIONI



Lascia un pensiero su Basilica di Sant'Agostino

Segui il santo del giorno:

Seguici su FB Seguici su TW Seguici su Pinterest Seguici su Instagram
Mostra santi del giorno:
Mostra santi
Usa il calendario:
Oggi 27 febbraio si venera:

San Gabriele dell'Addolorata
San Gabriele dell'Addolorata
Religioso
Francesco Possenti nacque ad Assisi il I marzo 1838 da nobile famiglia. Dai genitori ricevette quell'educazione cristiana che fu poi il germe della sua vocazione allo stato religioso. Fu giovane elegantissimo...
Altri santi di oggi
Domani 28 febbraio si venera:

San Romano di Condat
San Romano di Condat
Abate
Il monachesimo fu uno dei più larghi e fecondi movimenti religiosi, che producessero effetti di spirituale perfezione e insieme di civile progresso. Per questo la schiera dei Santi monaci è quasi sterminata...
Altri santi di domani
newsletter

Iscriviti
Oggi 27 febbraio nasceva:

San Giancarlo Cornay
San Giancarlo Cornay
Sacerdote e martire
Giancarlo Cornay, nato a Poitier il 27 febbraio 1809, entrò nella Società delle Missioni Estere di Parigi, fu ordinato sacerdote e mandato in missione nel Vietnam, dove fu arrestato durante la persecuzione...
Oggi 27 febbraio si recita la novena a:

- Volto Santo di Gesù
Signore Gesù, che nella trasfigurazione sul monte Tabor hai fatto brillare il tuo volto come il sole, fà che anche noi, camminando allo splendore della tua luce, possiamo trasformare la nostra vita e ed...
- Santa Cunegonda
I. O gloriosa S. Cunegonda, che tra gli agi della corte e lo splendore del trono non cercaste che la mortificazione dei vostri sensi e la felicità dei vostri sudditi, ottenete a noi tutti la grazia di...
- San Giovanni di Dio
I. Per quel miracoloso splendore e per quei suoni festivi onde il cielo illustrò la vostra nascita, o glorioso s. Giovanni, impetrate a noi tutti la grazia di mettere ogni nostra compiacenza nel risplendere...