Beato Giuseppe Baldo

Beato Giuseppe Baldo
Nome: Beato Giuseppe Baldo
Titolo: Sacerdote e fondatore
Nome di battesimo: Giuseppe Baldo
Nascita: 17 febbraio 1843, Puegnago sul Garda
Morte: 24 ottobre 1915, Ronco all'Adige
Ricorrenza: 24 ottobre
Martirologio: edizione 2004
Tipologia: Commemorazione
Beatificazione:
31 ottobre 1989, Roma, papa Giovanni Paolo II


Giuseppe Baldo nacque il 17 febbraio 1843 a Puegnago sul Garda, vicino a Brescia ma nella diocesi di Verona; era figlio di Angelo Baldo, agricoltore, e di Ippolita Casa, ostetrica. Ricevuta una profonda educazione religiosa, all'età di sedici anni entrò in seminario a Verona per diventare sacerdote. I suoi progressi furono tali che con un indulto pontificio ricevette l'ordinazione presbiterale all'età di soli ventidue anni. Nominato curato di una parrocchia di campagna, venne presto richiamato dal seminario per coprire il ruolo di vicerettore, incarico in cui diede prova di essere sia un ottimo insegnante sia un eccellente direttore spirituale; pubblicò anche un manuale di preghiere, un libro di omelie e diverse opere sulla disciplina del seminario. Dopo aver ricoperto questo incarico per circa undici anni, chiese di poter tornare in una parrocchia, sentendo di essere chiamato a un apostolato più ampio: nel 1877 fu così nominato parroco di Ronco all'Adige.

Il suo ingresso in parrocchia avvenne quasi di nascosto perché un gruppo di massoni anticlericali lo aveva minacciato di morte se si fosse azzardato a entrare pubblicamente con la tradizionale cerimonia. L'opposizione anticlericale che incontrò fu molto simile a quella che dovette sopportare il contemporaneo San Luigi Guanella che, come lui, operò nel Nord Italia. Giuseppe non era certo persona che si lasciava intimorire facilmente e nella prima domenica trascorsa in parrocchia annunciò apertamente alla gente: «Io sono il vostro parroco. D'ora in avanti avrete un nuovo padre, un nuovo cuore al quale avete il diritto di appellarvi, una nuova anima che non deve fare altro che pregare, soffrire e agonizzare per voi». Era infatti convinto che un prete non dovesse stare chiuso in sagrestia ed essere visto soltanto in occasione delle funzioni religiose, ma che fosse suo compito interessarsi di ogni cosa che potesse accrescere la dignità della gente, andando incontro quindi ai bisogni sia materiali che spirituali. Stilò a questo proposito un piano di azione sociale e caritativa che ebbe un impatto rivoluzionario: tra il 1882 e il 1885 istituì scuole rivolte a uomini e donne e una Società Operaia di Mutuo Soccorso; successivamente aprì una Cassa di Risparmio Rurale per sottrarre i poveri al potere degli usurai, scuole vocazionali per ragazzi e ragazze e un'infermeria. Fondò anche un pio sodalizio di donne chiamato "Le ancelle della Carità di S. Maria del Soccorso", che si occupava di assistenza domiciliare ai malati, e nel 1888 fu in grado di aprire un piccolo ospedale per accogliere e curare gli ammalati poveri e gli anziani soli e abbandonati. Cinque anni dopo ottenne i fondi per una nuova congregazione, le Piccole Figlie di S. Giuseppe, composta da infermiere dedite al lavoro ospedaliero. I primi anni della congregazione furono caratterizzati da notevoli difficoltà finanziarie, per il ritardo del denaro promesso, e i suoi membri vissero in una situazione di estrema povertà, ma l'istituto sopravvisse grazie alla prudenza e alla lungimiranza del suo fondatore. Dal lato spirituale, istituì la Società delle Quarant'ore, l'associazione delle Madri Cristiane, la confraternita del SS. Sacramento e un consiglio parrocchiale a cui affidò un ruolo concreto nell'evangelizzazione della parrocchia stessa. Giuseppe pregò ardentemente di poter patire una lunga e dolorosa agonia, «che lo purificasse da ogni possibile scoria di umana debolezza». Per ventidue mesi soffrì di una grave malattia, con sofferenze indicibili, ma sopportò tutto con pazienza e in una preghiera quasi incessante. Morì nella parrocchia che aveva servito per trentotto anni, il 24 ottobre 1915: i suoi resti furono trasportati nel 1950 nella cappella della casa madre della sua congregazione, e fu beatificato nel 1989.

MARTIROLOGIO ROMANO. A Ronchi lungo l’Adige vicino a Verona, beato Giuseppe Baldo, sacerdote, che, dedito al ministero pastorale, fondò la Congregazione delle Piccole Figlie di San Giuseppe per l’assistenza agli anziani e ai malati e l’istruzione dei bambini e dei giovani.

Lascia un pensiero a Beato Giuseppe Baldo

Ti può interessare anche:

Beato Giuseppe Puglisi
- Beato Giuseppe Puglisi
Presbitero
Don Giuseppe Puglisi nacque a Brancaccio un quartiere di Palermo il 15 settembre 1937 da Carmelo, calzolaio, e Giuseppa Fana, sarta. Entrò nel seminario...
Beato Giuseppe Allamano
- Beato Giuseppe Allamano
Presbitero e fondatore
Nella seconda metà dell'Ottocento Torino è una città di santi. Il beato Giuseppe Allamano (1851-1926) ebbe come zio san Giuseppe Cafasso e come insegnante...
San Giuseppe Vaz
- San Giuseppe Vaz
Missionario
Giuseppe Vaz, nacque nel 1651 a Sancoale (Goa) da famiglia cattolica. Fin dalla giovinezza si distinse per il suo zelo evangelico. Le sue doti furono ripetutamente...
Beato Giuseppe Tovini
- Beato Giuseppe Tovini
Laico cattolico, terziario francescano
Giuseppe nacque a Cividate Camuno in Lombardia, in una famiglia modesta. Voleva fare il sacerdote ed entrò in seminario a Verona, ma la morte del padre...
Beato Giuseppe Barsabba il Giusto
- Beato Giuseppe Barsabba il Giusto
Discepolo del signore
Giuseppe Barsabba compare brevemente negli Atti degli Apostoli: dopo l'ascensione di nostro Signore, i cristiani di Gerusalemme decisero, su suggerimento...
Beato Giuseppe Maria Corbin Ferrer
- Beato Giuseppe Maria Corbin Ferrer
Giovane laico, martire
Nato a Valencia, Giuseppe era giovane laureato e studente universitario di Medicina e Scienze Chimiche ricevette una borsa di studio dall'Università Internazionale...
Beato Giuseppe Olallo Valdes
- Beato Giuseppe Olallo Valdes
Religioso Fatebenefratelli
Nacque a L'Avana, Isola di Cuba. Figlio di genitori sconosciuti, fu affidato alla Casa Cuna San Giuseppe dell'Avana. Visse ed fu educato nella stessa Casa...
Beato Giuseppe Zaplata
- Beato Giuseppe Zaplata
Religioso e martire
Nacque a Jerka vicino a Koscian in Polonia da una famiglia di agricoltori. I limitati mezzi della sua famiglia non gli permettevano altro che fare gli...
Beato Giuseppe Nascimbeni
- Beato Giuseppe Nascimbeni
Sacerdote
Nacque il 22 novembre 1851 a Torri del Benaco, sul Lago di Garda, da Antonio Nascimbeni e Amedea Sartori e venne battezzato con il nome di Giuseppe. Studiò...
Beato Giuseppe Llosa Balaguer
- Beato Giuseppe Llosa Balaguer
Diacono e martire
Nacque a Benaguasil in Valencia. All'età di 12 anni entrò nella scuola apostolica che il Terziario Cappuccino della Beata Vergine Addolorata gestiva nel...
Beato Giuseppe Gerard
- Beato Giuseppe Gerard
Sacerdote, missionario
Giuseppe nato a Bouxières-aux-Ch'ènes (Francia), come molti suoi compatrioti entrò a far parte della congregazione missionaria degli Oblati di Maria Immacolata...
Beato Giuseppe Otin Aquiluè
- Beato Giuseppe Otin Aquiluè
Sacerdote salesiano e martire
Nacque a Huesca e ben presto decise di andare a Campello (Alicante), per rispondere alla sua vocazione salesiana. Fu ordinato sacerdote nel 1928. Con il...
Beato Giuseppe Canet Giner
- Beato Giuseppe Canet Giner
Sacerdote e martire
Nacuqe a Bellreguard in Valencia, in un'umile famiglia. Entrò nel Collegio delle Vocazioni e in seguito andò al Seminario di Valencia. Ordinato sacerdote...
Segui il santo del giorno:

Seguici su FB Seguici su TW Seguici su Pinterest Seguici su Instagram
Mostra santi del giorno:
Mostra santi
Usa il calendario:
Oggi 24 luglio si venera:

Santa Cristina di Bolsena
Santa Cristina di Bolsena
Martire
Cristina nacque sulle rive del lago di Bolsena dove suo padre Urbano era governatore. Quest'uomo era un mortale nemico dei cristiani, e si può dire che non passava giorno senza che ne avesse qualcuno al...
Altri santi di oggi
Domani 25 luglio si venera:

San Giacomo il Maggiore
San Giacomo il Maggiore
Apostolo
S. Giacomo il Maggiore fu uno dei dodici Apostoli. Perchè i Samaritani non avevano voluto ricevere i discepoli mandati da Gesù, Giacomo, col fratello Giovanni, si accostò al Divino Maestro e gli disse...
Altri santi di domani
newsletter

Iscriviti
Oggi 24 luglio nasceva:

Beato Leopoldo da Alpandeire Marquez Sanchez
Beato Leopoldo da Alpandeire Marquez Sanchez
Cappuccino
Nacque ad Alpandeire (Malaga) il 24 giugno 1864. A 35 anni vestì l'abito dei Frati Cappuccini. Per oltre mezzo secolo visse a Granada e questuando per il convento e per le Missioni dell'Ordine distribuiva...
Altri santi nati oggi
Oggi 24 luglio tornava alla Casa del Padre:

Beata Ludovica di Savoia
Beata Ludovica di Savoia
Principessa, Clarissa
Ludovica, figlia dcl B. Amedeo IX (30 mar.) e di Jolanda di Francia, nacque a Ginevra nel 1462, e nel 1479 sposò Ugo di Chalon-Arlay, signore di Chàteau-Guyon. Gli sposi costituirono un esempio di come...
Altri santi morti oggi
Oggi 24 luglio veniva canonizzato:

Santa Maria Domenica Mazzarello
Santa Maria Domenica Mazzarello
Vergine
Maria Domenica, fondatrice delle suore salesiane, nacque a Mornese in Piemonte. Era la maggiore dei figli di un avveduto contadino che con la famiglia si trasferì in collina lontano dal paese: insieme...
Oggi 24 luglio si recita la novena a:

- Sant' Alfonso Maria de' Liguori
I. Ammirabile s. Alfonso, che, profetizzato ancor bambino dal glorioso s. Francesco da Geronimo per un santo destinato a vivere lungamente ed operar grandi cose nella vigna del Signore, fino dai primi...
- San Cristoforo
I. Glorioso s. Cristoforo, che, appena convertito alla fede, vi applicaste con uno zelo instancabile a spargere nei popoli della Licia la luce della verità, o carcerato per la causa di Gesù...
- San Giacomo il Maggiore
I. O glorioso s. Giacomo, che per le vostra purità e poi vostro zelo meritaste di essere da Gesù Cristo, non solo sollevato al grado di apostolo, ma tra gli apostoli stessi privilegiato delle...
- Santi Anna e Gioacchino
O gloriosa madre di Maria, sant'Anna, per il grande sacrificio di offrire la tua Bambina fin dai più teneri anni al divino servizio del tempio, ottienici di poter con santo coraggio sacrificare a Dio qualunque...
- Sant' Ignazio di Loyola
I. O glorioso s. Ignazio, che al primo leggere che faceste le vite dei santi risolveste subito di imitarli, o rinunziando per sempre ad ogni fasto mondano non cercaste mai altro che la maggior gloria di...
- San Leopoldo Mandic
O Dio, Padre onnipotente, tu hai arricchito san Leopoldo con l’abbondanza della tua grazia; concedi a noi, per sua intercessione, di vivere nell’abbandono alla tua volontà, nella speranza della tua promessa...
- Santa Marta di Betania
I. Per quell’ammirabile prontezza con cui voi, o gloriosa s. Marta, vi desto a seguire gli esempi, i consigli e gli inviti del Redentore divino, appena riudiste la voce, fino a diventare con universale...
- Santi Nazario e Celso
I. Glorioso s. Nazario, che, per la vostra docilità allo insinuazioni della pia vostra madre Perpetua, erudita dallo stesso s. Pietro, foste fin dai primi anni vero modello d’ogni virtù...
- Sant' Anna
Sant'Anna, Dio vuole che tu sia onorata qui (a Keranna). Concedimi di servirti nella gioia, di glorificarti nell'umiltà, di compiacerti nella santità. E ti prego: nei miei smarrimenti sii sulla mia strada...