Beata Elena Enselmini

Beata Elena Enselmini
Nome: Beata Elena Enselmini
Titolo: Monaca
Nome di battesimo: Elena Enselmini
Nascita: 1207 circa, Padova
Morte: 1231 circa, Padova
Ricorrenza: 4 novembre
Martirologio: edizione 2004
Tipologia: Commemorazione


Figlia della nobile famiglia degli Enselmini di Padova all'età di 13 anni decise di entrare in un convento che ospitava, in due diverse abitazioni, le monache e i frati dell'Ordine di San Francesco, in una zona chiamata "Ara Coeli" (l'attuale Arcella), ed fu lo stesso Santo Francesco di Assisi che le impose il velo. Sant'Antonio da Padova invece la ha preparò teologicamente e moralmente.

Per sei anni la sua esperienza come Chiara Povera fu luminosa e gioiosa, nonostante il rigore della regola. Ma all'età di 20 anni, sorsero gli anni dell'oscurità, anche in senso fisico, con malattie che la lasciavano afasica; ma era soprattutto l'oscurità dell'anima che misero alla prova nel dubbio e nell'aridità spirituale. Era tentata di credere che fosse tutto inutile; che la salvezza eterna gli sarebbe sempre stata negata. Ma nei momenti di maggior disorientamento intimo, abbracciò la fede e l'obbedienza ai superiori. Con la tenacia di una volontà ben temperata, poté trovare la pace e la certezza guidata dalla Provvidenza verso un destino migliore.

La sua malattia (diventò cieca e sorda) le permise di comunicare solo con i segni dell'alfabeto, e così poté esprimere le sue visioni mistiche. Un giorno vide in Paradiso numerose anime di religiosi che vivevano in comunità, e questo la sorprese, perché pensava che fossero le penitenze a farci raggiungere il Cielo, invece le fu rivelato che era l'obbedienza e l'esercizio della penitenza erano l'unico mezzo per raggiungere il regno dei cieli.

Con un colorito aggraziato e malaticcio, negli ultimi quindici mesi di vita soffrì di febbri ripetute e rimase per tre mesi senza mangiare, bere o dire una parola. Il 4 ottobre 1231, rapita dall'estasi, vide i santi Francesco e Antonio mentre cantavano le lodi del Signore. Insomma, "paradiso in terra", fino al 4 novembre, quando morì, a 24 anni.

Si può dire che il suo corpo abbia subito un naturale processo di mummificazione alla morte e sia rimasto intatto, e le manifestazioni di fervore furono esagerate, ma rivelarono la spontaneità di una devozione popolare a questa illustre Clarissa. La sua salma, per caso fortuito, fu riposta in un'urna e custodita nella chiesetta del monastero, fino all'anno 1509, quando fu trasferita nella chiesa di Santa Maria degli Armeni, poi chiamata quella della Beata Elena. E, dal 1810, fu trasferito in quello di Santa Sofia, dove rimase fino al 23 maggio 1958, quando fu restituito alla chiesa dell'Arcella. Fu beatificata da Innocenzo XII il 29 ottobre 1695.

MARTIROLOGIO ROMANO. A Padova, beata Elena Enselmini, vergine dell’Ordine delle Clarisse, che sopportò con mirabile pazienza infinite sofferenze e perfino la perdita della parola.

Lascia un pensiero a Beata Elena Enselmini

Ti può interessare anche:

Beata Elena Valentini da Udine
- Beata Elena Valentini da Udine
Religiosa
Elena apparteneva alla famiglia Valentini di Udine. A quindici anni sposò Antonio dei Cavalcanti e trascorse per i seguenti quindici anni una vita felice...
Beata Elena Duglioli Dall'Olio
- Beata Elena Duglioli Dall'Olio
Vedova
I fatti relativi alla vita di Elena sono molto pochi, data la devozione popolare di cui fu ispiratrice. Nel tentativo di accrescerne la popolarità, molte...
Segui il santo del giorno:

Seguici su FB Seguici su TW Seguici su Pinterest Seguici su Instagram
Mostra santi del giorno:
Mostra santi
Usa il calendario:
Oggi 5 dicembre si venera:

San Saba Archimandrita
San Saba Archimandrita
Abate
San Saba, uno dei più celebri patriarchi dell'ordine monastico della Palestina, nacque l'anno 439 in Mutalasca nel territorio di Cesarea nella Cappadocia da genitori ragguardevoli per il loro casato e...
Altri santi di oggi
Domani 6 dicembre si venera:

San Nicola di Bari
San Nicola di Bari
Vescovo
San Nicola fu uno dei più illustri santi che fiorirono nella Chiesa orientale nel secolo IV. Nativo di Patara nella Licia, dimostrò fin da bambino di essere predestinato a grandi cose. Prestissimo si innamorò...
Altri santi di domani
newsletter

Iscriviti
Oggi 5 dicembre si recita la novena a:

- San Nicola di Bari
O protettor benefico, scelto dai tuoi devoti, che santo sin dal nascere a Dio drizzasti i voti; per tuo incorrotto vivere proteggi il nostro cuor. Santo nostro protettore difensor di nostra vita proteggete...
- Maria Immacolata
Preghiera iniziale Vergine purissima, concepita senza peccato, tutta bella e senza macchia dal primo istante, Ti venero oggi sotto il titolo di Immacolata Concezione. Il Tuo Divino Figlio mi ha insegnato...
- Sant' Ambrogio
I. O glorioso Arcivescovo s. Ambrogio, che fuggiste a tutto potere gli onori e le dignità, quindi, accettandole per non contraddire alle divine disposizioni, diveniste a tutta la terra il maestro ed il...
- Madonna di Guadalupe
Nostra Signore di Guadalupe, secondo il tuo messaggio in Messico, io ti venero come " la Vergine Madre del vero Dio per quelli cui vivono, il Creatore di tutto il mondo, del cielo e della terra." Nello...
- Madonna di Loreto
Vergine Lauretana, nel salutarti con filiale devozione amo ripetere le parole dell'Arcangelo Gabriele ed anche le tue: "Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con Te». "Grandi cose ha compiuto in me...
- Santa Lucia
O gloriosa Santa Lucia, che fin dalla vostra prima età corrispondeste docilmente all'educazio­ne cristiana, che vi diede la piissima madre vostra, otteneteci di apprezzare, fra le tenebre dell'attuale...
- San Giovanni della Croce
I. Cortesissimo Iddio, fu pur tenero e sollecito l’amore che voi dimostraste a Giovanni ancor fanciullino, quando sfortunatamente caduto in profondissima fossa, gli spediste la stessa vostra madre a stendergli...