Chiesa di Ognissanti

Tutti i Santi
Nome: Chiesa di Ognissanti
Titolo: Chiesa di San Salvatore in Ognissanti
Indirizzo: Borgo Ognissanti, 42 - Firenze
Dedicato a: Tutti i Santi


Posta nella piazza omonima, la Chiesa di Ognissanti si trova nella parte occidentale di Firenze, nel centro storico, ed è un vero gioiello dell'arte che caratterizza questa città.

Edificata nel 1251, all'inizio appartenente al complesso conventuale dell'ordine Lombardo degli Umiliati, dedito a povertà e lavoro, passò nel 1571 all'ordine dei Francescani, che la rimodernarono secondo lo stile barocco modificandone anche l'assetto originario; venne riconsacrata nel 1582 e intitolata a San Salvatore di Ognissanti.

Ma nonostante le origini appare non sobria come si penserebbe bensì riccamente decorata, sia all'esterno che all'interno.

LA FACCIATA



La facciata


La facciata è in stile barocco risalente al XVII secolo quando vi fu un rifacimento che ne coprì lo stile romanico; stretta e lunga balza all'occhio la splendida lunetta sul portale, in terracotta invetriata, che rappresenta l'Incoronazione della Vergine ed è attribuita a Benedetto Buglioni. La pietra delle origini inoltre venne sostituita dal travertino durante uno dei restauri nel corso del '900.

Il campanile invece è quello originale e si intravede levarsi sulla destra.

L'INTERNO



Ma è l'interno che si apre in tutta la sua magnificenza barocca e che, pur ricco di capolavori, lascia respirare un'aria di pace e spiritualità.

L'interno
L'interno


Il pavimento in cotto e un'unica navata con altari laterali conducono alla scoperta delle numerosissime opere d'arte racchiuse in quello che potrebbe essere un vero museo.

Alzando lo sguardo si ammira la stupenda decorazione settecentesca del soffitto che presenta uno stupefacente effetto illusionistico al centro: camminando dal fondo il gioco prospettico delle colonne sembrerà creare un piano superiore; al centro della quadratura è raffigurato San Pasquale.

Sul transetto, illuminato da finestre rettangolari che all'esterno lasciano intravedere le ogivali dell'origine, si aprono numerose cappelle, a destra nella prima di esse, la cappella di San Pietro d'Alcantara, dove nel 1510 fu sepolto Botticelli, poco distante dalla cappella funebre di Carolina Bonaparte, sorella di Napoleone, la tomba del grande pittore è però ora dispersa.

Crocifisso di Giotto
Crocifisso di Giotto


Imperdibile nella Cappella dei Caduti il crocifisso di Giotto dai colori davvero stupefacenti come il blu oltremare dei lapislazzuli e di cui purtroppo è andata perduta la parte inferiore.

Proseguendo lungo il lato destro della navata tra gli altri affreschi ne ammiriamo uno dei più antichi, del Ghirlandaio, e uno del Botticelli, salvati dalla distruzione del muro del tramezzo su cui si trovavano. Poco oltre ecco la tomba della famiglia Vespucci, in cui è sepolto anche il grande e noto navigatore Amerigo, di cui abbiamo uno dei pochissimi ritratti.

Organo Chiesa di Ognissanti
L'organo


Lungo il lato sinistro della navata, anch'esso pieno di meraviglie, troviamo tra le altre opere uno stupendo crocifisso trecentesco posto sotto la ricca balconata che sorregge un organo barocco.

In una cappella nel transetto sinistro possiamo ammirare anche un altro crocifisso cinquecentesco dell'artista tedesco Veit Stoss.

Non si può non rimanere abbagliati dalla ricchezza della decorazione del presbiterio, dai marmi policromi dell'altare maggiore disegnato da Jacopo Ligozzi e composto di pietre dure, dagli affreschi della volta. E poi le statue, le tele e ancora il crocifisso bronzeo seicentesco di Bartolomeo Cennini.

Cenacolo del Ghirlandaio
Cenacolo del Ghirlandaio


Persino nella sagrestia vi sono delle opere magnifiche quali gli affreschi della Crocifissione di Taddeo Gaddi e quelli della Resurrezione e Ascensione di Andrea Bonaiuti o forse Pietro Nelli. Di grande pregio il Cenacolo del Ghirlandaio, nel refettorio dal quale si accede attraverso il chiostro, meno famoso certamente di quello di Leonardo, ma non meno incantevole e rappresentativo in cui ad esempio Giuda è raffigurato di spalle a rimarcare il tradimento che avverrà di lì a poco.

Storie di San Francesco
Affreschi nel chiostro


Lo stesso chiostro, del XVI secolo, mostra un magnifico ciclo di affreschi sulla vita di San Francesco.

E come non menzionare anche la cappella che custodisce un saio indossato dal frate, o quella dedicata alla Vergine di Guadalupe, cara ai messicani.

Ovunque ci voltiamo è arte sacra, ogni affresco, statua, rappresentazione, non può che attirare sguardi estasiati del visitatore ma il tutto è solo una stupenda cornice alla spiritualità Francescana, al raccoglimento e alla preghiera.

ORARI


VISITE
MATTINA: ore 9.30 - 12:30
POMERIGGIO: ore 16:00 - 19.15
Chiuso il Mercoledì mattina

MESSE
PREFESTIVA: ore 18:30
FESTIVA: ore 10.30

VISITA IN TRE DIMENSIONI



Lascia un pensiero su Chiesa di Ognissanti

Segui il santo del giorno:

Seguici su FB Seguici su TW Seguici su Pinterest Seguici su Instagram
Mostra santi del giorno:
Mostra santi
Usa il calendario:
Oggi 13 giugno si venera:

Sant' Antonio di Padova
Sant' Antonio di Padova
Sacerdote e dottore della Chiesa
Sant'Antonio nacque a Lisbona nel 1195 da genitori favoriti da Dio di ricchezze spirituali e di un certo benessere. Dopo la prima educazione ricevuta nella casa paterna da uno zio canonico, continuò...
Altri santi di oggi
Domani 14 giugno si venera:

Sant' Eliseo
Sant' Eliseo
Profeta
La fonte per ricostruirne la vita è «il ciclo di Eliseo» che include anche narrazioni relative alle guerre di Israele contro Damasco e Moab e notizie sui contemporanei re di Giuda. Il ciclo è costituito...
Altri santi di domani
newsletter

Iscriviti
Oggi 13 giugno tornava alla Casa del Padre:

Sant' Antonio di Padova
Sant' Antonio di Padova
Sacerdote e dottore della Chiesa
Sant'Antonio nacque a Lisbona nel 1195 da genitori favoriti da Dio di ricchezze spirituali e di un certo benessere. Dopo la prima educazione ricevuta nella casa paterna da uno zio canonico, continuò...
Oggi 13 giugno si recita la novena a:

- San Luigi Gonzaga
I. Angelico s. Luigi, che quantunque nato fra gli agi e le grandezze del mondo, col continuo esercizio dell’orazione, del ritiro e della penitenza, non aspiraste giammai che ai beni sodi e immancabili...