Monastero di San Barnaba

San Barnaba
Nome: Monastero di San Barnaba
Titolo: Tesoro di storia e spiritualità
Indirizzo: Tuzla 99500 - Cipro
Dedicato a: San Barnaba
Reliquie di: San Barnaba


Il Monastero di San Barnaba, situato tra Tuzla e Salamina è un luogo di grande importanza storica e spirituale per la Chiesa ortodossa di Cipro. Il complesso comprende una chiesa, ora adibita a museo di icone, un monastero che ospita una collezione archeologica e una cappella che conserva le spoglie di San Barnaba.

La Scoperta della Tomba

Barnaba fu arrestato e lapidato a morte e i suoi resti furono recuperati da Giovanni Marco e alcuni convertiti, che li seppellirono sotto un carrubo a ovest di Salamina. La tomba di San Barnaba fu riscoperta intorno al 480 d.C. dall'arcivescovo Anthemios di Cipro, dopo aver fatto un sogno in cui vide la posizione della tomba perduta. Si trovò che San Barnaba teneva in mano un Vangelo miniato di San Matteo, considerato un miracolo. Anthemios partì per Costantinopoli, oggi Istanbul, per presentare la Bibbia all'imperatore bizantino Zenone. Felice di questo dono, Zenone concesse l'autonomia alla chiesa di Cipro e finanziò la costruzione di una gloriosa chiesa nel luogo della tomba. Tuttavia, la chiesa fu gravemente danneggiata durante le incursioni arabe nel VII secolo, e oggi restano visibili solo alcune fondamenta.

L'attuale edificio del monastero fu costruito nel XVIII secolo sulle rovine della chiesa bizantina originale. Inizialmente dotato di tre cupole, una di queste crollò a causa delle fondamenta deboli e del terreno soffice, e non fu mai sostituita, dando alla chiesa un aspetto quadrato insolito. All'interno si può ammirare un affresco che illustra il sogno del vescovo Anthemios, il ritrovamento del corpo e la presentazione del Vangelo all'Imperatore.

Il Monastero e il Museo

Il monastero è circondato da un cortile, con edifici che un tempo ospitavano monaci e pellegrini. Negli anni '50, il monastero era abitato da tre monaci: Charitan, Stephanos e Barnabas, che si dedicarono alla manutenzione e al restauro della chiesa, dipingendo molti degli affreschi e delle icone ora esposti. Costruirono anche un campanile nel 1958. Dopo il 1974, il monastero rimase aperto e fu restaurato nel 1991. La chiesa fu trasformata in un museo di icone, e le stanze del monastero divennero un museo archeologico. Il museo delle icone ospita numerosi manufatti, tra cui una delle migliori collezioni di antichità dell'età del bronzo e della prima età del ferro a Cipro del Nord, mantenendo un'aria di santità e pace. Il museo archeologico conserva reperti provenienti dalla vicina città antica di Enkomi, influenzata dall'antico Egitto.

Un Luogo di Pellegrinaggio e Cultura

Il Monastero di San Barnaba è un importante luogo di pellegrinaggio per la Chiesa ortodossa. Con l'apertura del confine, il numero di visitatori è aumentato notevolmente, e vi si tengono frequenti funzioni religiose. L'11 giugno, giorno del santo, viene celebrata una messa speciale e una festa in suo onore, un evento ripristinato nel 2005 dopo un'interruzione di 31 anni.

Dietro la chiesa, c'è una piccola cappella-mausoleo del XIX secolo, eretta sul luogo della tomba di San Barnaba, dove i visitatori affluiscono per rendere omaggio. La tomba è accessibile attraverso 14 gradini che portano a una grotta sotto l'edificio, ristrutturata nel 1953.

Tomba di San Barnaba
Tomba di San Barnaba

Quasi tutti i giorni è presente una guida per fornire visite guidate gratuite al monastero e al museo. Il complesso dispone anche di un piccolo negozio di articoli da regalo e di una caffetteria con rinfreschi. San Barnaba non è solo un simbolo religioso, ma rappresenta anche la resilienza e la continuità della fede cristiana a Cipro.

VISITA IN TRE DIMENSIONI


Lascia un pensiero su Monastero di San Barnaba

Segui il santo del giorno:

Seguici su FB Seguici su TW Seguici su Pinterest Seguici su Instagram
Mostra santi del giorno:
Mostra santi
Usa il calendario:
Oggi 18 giugno si venera:

San Gregorio Giovanni Barbarigo
San Gregorio Giovanni Barbarigo
Vescovo
I milanesi erano soliti ripetere ai bergamaschi, complimentandosi per il loro vescovo: «Noi abbiamo un santo cardinale morto, san Carlo Borromeo, voi avete un vescovo vivo». Vescovo vivo era...
Altri santi di oggi
Domani 19 giugno si venera:

San Romualdo
San Romualdo
Abate
S. Romualdo nacque a Ravenna dalla nobile famiglia degli Onesti: i costumi del casato però non corrispondevano al nome. Il duca Sergio, padre del nostro Santo, uomo irascibile e per nulla religioso, venuto...
Altri santi di domani
newsletter

Iscriviti
Oggi 18 giugno nasceva:

Santa Giovanna della Croce
Santa Giovanna della Croce
Fondatrice
Il racconto del cammino verso la santità di Giovanna è molto strano: sia la sua figura che quella del suo benefattore spirituale potrebbero apparire invenzioni nate dall'azione combinata del creativo Perrault...
Oggi 18 giugno tornava alla Casa del Padre:

San Calogero
San Calogero
Eremita in Sicilia
Le informazioni sulla vita di San Calogero provengono da varie leggende tramandate da scritti e inni in suo onore. Uno dei racconti più accreditati tratto da breviario siculo-gallicano narra che...
Altri santi morti oggi
Oggi 18 giugno si recita la novena a:

- San Giovanni Battista
I. O glorioso s Giovanni, che col vivere sempre la vita più illibata, corrispondeste così bene al vostro nome che significa Grazia, ottenete a noi pure di vivere sì santamente da corrispondere con esattezza...
- San Luigi Gonzaga
I. Angelico s. Luigi, che quantunque nato fra gli agi e le grandezze del mondo, col continuo esercizio dell’orazione, del ritiro e della penitenza, non aspiraste giammai che ai beni sodi e immancabili...